ACCEDI
U.S.I.

Informazioni e Prenotazioni

06/32868.1

Assistenza Servizi On-line 06/32868.234

Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 17:00


Servizi Infermieristici

Il Servizio Wound Care è dedicato prevalentemente alla prevenzione, cura e trattamento di tutti i tipi di lesioni cutanee (acute, croniche, ulcere, lesioni difficili). Si dedica inoltre all’assistenza di pazienti portatori di stomie e presidi come impianto PICC e Port-a-cath e alla somministrazione di terapia iniettiva (punture-intramuscolare e sottocutanee) e terapia infusionale (flebo, lavaggio PICC e Port-a-cath).

Per informazioni e appuntamenti
Segreteria dedicata
tel. 06/32868.206 - 06/3286.846
e-mail: info@usi.it (specificando nell'oggetto: richiesta per servizio Wound Care)

Resp. e coordinatore Dott.ssa Elena Toma
Infermiere Wound Care Specialist
Stoma Care Specialist
Terapia iniettiva e infusionale
Presso il nostro servizio si può usufruire di somministrazione di terapia:
  • Intramuscolare
  • Sottocutanea
  • Infusionale breve (flebo della durata massima di 2 ore, es...)
  • Trattamenti per l’infertilità.

È disponibile inoltre la somministrazione di terapia attraverso gli impianti PICC e Port-a-cath, il loro lavaggio e medicazione.

Il servizio infermieristico di terapia iniettiva e infusionale prevede i seguenti trattamenti:
  • Terapia intramuscolare
  • Terapia sottocutanea
  • Terapia infusionale a somministrazione breve (massimo 2 ore, es.: antibiotici, cortisone, vitamine, etc.).

Come accedere al servizio
Per la somministrazione della terapia iniettiva intramuscolare, sottocutanea e vaccinazione anti influenzale il paziente deve essere munito di prescrizione medica scritta (in ricetta semplice) o piano terapeutico, con specifico riferimento al dosaggio e alla frequenza di somministrazione. La terapia sarà somministrata esclusivamente ai pazienti in possesso di prescrizione, la quale rimarrà allegata alla cartella personale.

Per la terapia infusionale il paziente deve essere munito di prescrizione medica scritta (in ricetta semplice) dove deve essere specificato:

Terapia infusionale in regime ambulatoriale con:
  • farmaco, dosaggio, e la frequenza di somministrazione
  • tipo di soluzione da infondere, velocità di infusione

In caso di terapia infusionale si consiglia di fornire al personale del servizio un recapito del medico che ha effettuato la prescrizione o di un medico di fiducia per contattarlo, in caso di necessità, per eventuali comunicazioni di servizio (reazioni allergiche, intolleranze, alterazione di parametri vitali durante la somministrazione).
Wound Care, trattamento delle lesioni cutanee difficili
La guarigione delle lesioni difficili oggi non è più un chimera ma è diventata realtà. L’utilizzo delle medicazioni e delle tecnologie avanzate ci permette di arrivare ad ottimi risultati solo se il protocollo terapeutico-gestionale è personalizzato.
Il cammino non è sempre facile e richiede la collaborazione di varie figure professionali altamente specializzate nell’ambito ed il coinvolgimento attivo e consapevole del paziente stesso nel percorso di cura.
Anche se il cammino non è sempre facile, l’approccio e la scelta giusta del trattamento idoneo, da parte del personale specializzato, porta spesso alla guarigione o comunque ad ottimi risultati, migliorando la qualità di vita del paziente e della sua famiglia.
È indispensabile anche una buona informazione ed educazione del diretto interessato per avere la sua compartecipazione dinamica ad ogni fase del percorso verso la guarigione.
Il servizio Wound Care è un servizio infermieristico specialistico svolto e gestito dal WOUND CARE SPECIALIST - infermiere esperto nella cura e nel trattamento delle lesioni difficili, con una formazione universitaria specifica.
È dedicato ai pazienti adulti portatori di LESIONI cutanee croniche e difficili che necessitano di cure appropriate e tempestive e che vengono così avviati verso il giusto percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale.

La cura delle lesioni croniche e difficili è una delle prestazioni più richieste in regime ambulatoriale. Capita a volte che il paziente sottovaluti in un primo momento la lesione, soprattutto quando non c’è dolore o sanguinamento, e si rivolga ad un servizio specializzato solo quando la situazione diventa ingestibile.
Le lesioni non nascono mai come difficili, ma lo diventano a causa dell’alterazione delle fasi del processo fisiologico di riparazione tessutale dovuta a patologie generali complesse del paziente (diabete, insufficienza circolatoria, etc.), per la mancata cura ed igiene o per un percorso terapeutico non idoneo. Per arrivare alla guarigione completa ed evitare le recidive è importante dunque, aiutare la persona a fare correttamente il primo passo di un processo di cura interattiva, nel rispetto di tutta la sua complessità clinica e umana.

Il percorso di cura e trattamento di ogni paziente è personalizzato e viene definito solo in seguito ad una valutazione generale del paziente e della lesione, tenendo in considerazione l’età, il tipo e lo stadio della lesione, lo stato nutrizionale e altre patologie in essere.
Tutte le medicazioni vengono effettuate solo con materiale monouso, per evitare qualsiasi contagio o contaminazione.

Principali prestazioni:
  • Valutazione e monitoraggio lesioni, impostazione protocollo di cura
  • Medicazioni avanzate per tutti i tipi di lesione
  • Preparazione all'innesto
  • Bendaggi multistrato-multicomponente
  • Applicazione e gestione terapia a pressione negativa
  • Prelievo tampone colturale
  • Gestione stomie: sostituzione sacchetto collettore, trattamento lesioni circostanti, costruzione base di appoggio placca nei pazienti con problemi
  • Educazione all'automedicazione
  • Consulenza per la prevenzione delle lesioni da pressione e l'utilizzo dei presidi dedicati

Lesioni trattate:
  • Lesioni corniche e/o difficili
  • Lesioni traumatiche
  • Lesioni piede diabetico
  • Stomie
  • Lacerazioni cutanee in pazienti con dermatoporosi
  • Lesioni da pressione
  • Ulcere arti inferiori
  • Ferite operatorie
  • Cicatrici e cheloidi
  • Lesioni neoplastiche
  • Linfedema
  • Ustioni
Le Medicazioni Avanzante
Per medicazione avanzata si intende un materiale di copertura che abbia caratteristiche di biocompatibilità: processo che si identifica nell'interazione del materiale con un tessuto favorendo una reazione desiderata (Evidence Based Nursing – EBN).
Per medicazione avanzata si intende un materiale di copertura che abbia caratteristiche di biocompatibilità: processo che si identifica nell'interazione del materiale con un tessuto favorendo una reazione desiderata (Evidence Based Nursing – EBN ).

Caratteristiche delle medicazioni avanzate:
  • Mantenere l'ambiente costante con il giusto gradiente di umidità a contatto con la lesione
  • Consentire lo scambio gassoso di ossigeno, anidride carbonica e vapore acqueo con l'ambiente
  • Assicurare l'isolamento termico
  • Essere sicura, non contenere elementi tossici, essere anallergenica e sterile
  • Avere la giusta capacità adsorbente (essudati, microrganismi, componenti tossici, cellule morte)
  • Impermeabilità all'ingresso di microrganismi esterni che altrimenti contaminerebbero la lesione portando all’infezione
  • Essere interattive con lo stato della lesione (presenza di tessuto non vitale, infezione, granulazione)
  • Garantire una protezione meccanica (proteggere la lesione da possibili traumi)
  • Non aderire all'area cutanea lesa, essere comoda e non dolorosa sia all’applicazione che alla rimozione
  • Conformarsi alle superfici irregolari (la medicazione ideale è conformabile e flessibile per adattarsi a qualsiasi contorno anatomico)
  • Essere di semplice e sicuro utilizzo
  • Rimanere attive sul letto di ferita per più giorni (permettendo intervalli di cambio più ampi non giornalieri riducendo il numero di medicazioni e di accessi)
  • Permettere il monitoraggio del processo riparativo senza rimuovere la medicazione (medicazioni trasparenti o a matrice leggibile).

Questi dispositivi sono ad oggi numerosissimi e molto diversi tra loro, ognuno con particolari caratteristiche e se adoperate a caso da personale non formato non portano all’esito desiderato.

La scelta della medicazione
La scelta della medicazione deve essere personalizzata rispetto allo stato del paziente, alla localizzazione e allo stadio della lesione e deve sempre essere fatta da personale esperto.
Nelle ulcere croniche (che al momento della presa in carico solitamente hanno dall’insorgenza una durata superiore a 4-6 mesi) i processi fisiologici sono bloccati ed è quasi sempre presente del tessuto non vitale, infiammazione e/o infezione, brutto odore, perdita abbondante di fluidi (essudato), edema circostante o dell’intero arto. Il trattamento seguirà un andamento progressivo, utilizzando materiale con caratteristiche diverse fase per fase seguito da rivalutazioni periodiche. Nella scelta del tipo di medicazione si deve prendere in considerazione anche la specificità della zona lesionata e la necessità di applicazione di terapia compressiva.

Trattamenti avanzati per la cura delle lesioni cutanee
L’ulcera è solo il segno e/o la conseguenza di una o più patologie, dunque per poter impostare un giusto trattamento è fondamentale effettuare, alla presa in carico, un’accurata anamnesi medico-infermieristica, conoscere la causa scatenante e prendere atto di tutte le altre problematiche generali (patologie, disturbi, polifarmacoterapia e abitudini di vita del paziente).

Presso il nostro servizio  è possibile usufruire di trattamenti avanzati e tecnologie all’avanguardia per la cura delle lesioni cutanee acute e croniche, le ulcere vascolari insieme a quelle del piede diabetico, e delle cicatrici post-operatorie.
Per poterne accedere, sarà prima eseguita una valutazione globale del paziente e della lesione.

Detersione del fondo della lesione (debridement) con tecnologie avanzate - JETOX - HDC
Le lesioni cutanee spesso diventano croniche per lo stato precario di salute del paziente oppure per complicanze insorte durante la loro gestione (come l’infezione o il blocco della riparazione tessutale per la presenza di sostanze indesiderate come le metalproteasi).

La medicazione rappresenta per il paziente un evento molto traumatico sia psicologicamente, per la paura di soffrire, sia fisicamente, per il dolore reale dovuto alla rimozione del precedente presidio utilizzato e per la pulizia del fondo della ferita. La parte danneggiata è spesso molto sensibile e non è facile riuscire a rimuovere le secrezioni ed il tessuto non vitale senza la collaborazione del paziente.  Una pulizia incompleta fa sì che i residui non asportati si infettino, pregiudicando la guarigione.
Il nostro Servizio Wound Care (dedicato al trattamento delle lesioni difficili) esegue una detersione completa ed efficace in modo veloce e atraumatico con l’ausilio del sistema JETOXTM-HDC.
Il JETOXTM-HDC crea una corrente "a getto" con una soluzione sterile e ossigeno medico compresso a flusso regolabile. L’irrigazione avviene per nebulizzazione ed i residui sono aspirati in un apposito contenitore, senza contaminare l’ambiente ed i vestiti del paziente.
Il dispositivo è sterile e monouso, non produce dolore e l’irrigazione, con soluzione ossigenata, stimola l’attività cellulare e aiuta la decongestione della zona lesa con conseguente diminuzione del dolore. 
Applicazione di terapia a pressione negativa
La terapia a pressione negativa (NPTW) è una terapia avanzata per la gestione delle lesioni difficili, delle lesioni situate in zone che non consentono una facile medicazione/bendaggio, oppure delle ferite di ampia entità.
Oltre a velocizzare la guarigione, consente avere intervalli più ampi tra le medicazioni, non permette la fuoriuscita di liquidi o brutto odore dalla lesione migliorando la qualità di vita del paziente.

La terapia a pressione negativa (NPTW) è una terapia avanzata per la gestione delle lesioni cutanee verso la guarigione.
Applicando una pressione negativa (vuoto) sulla lesione mediante un dispositivo composto da un unità base e da un tubo di aspirazione dotato da un interfaccia di applicazione su una medicazione specifica, si rimuove il materiale infetto e le secrezioni (essudato) della ferita, si promuove in modo attivo la formazione di tessuto di granulazione e si avvicinano i bordi della lesione in tempi rapidi.
I vantaggi clinici sono ampiamente conosciuti dai professionisti e comprovati da evidenze scientifiche. Inoltre questo tipo di terapia apporta un miglioramento della qualità di vita del paziente che non deve essere più sottoposto a medicazioni giornaliere e al dolore che ne consegue, riduce il disagio nei rapporti interpersonali perché non consente la fuoriuscita di brutto odore e liquidi dalla lesione che è completamente coperta e permette anche un notevole risparmio economico rispetto all’utilizzo delle medicazioni classiche.
Il nostro sistema avanzato permette di impostare differenti pressioni senza gli svantaggi della terapia ad intermittenza solitamente utilizzata. Mantenendo la pressione negativa per tutto il ciclo si evita di perdere la chiusura ermetica ed il dislocamento della medicazione che potrebbe causare l'accumulo di essudato.
Questa "onda" graduale è delicata per il paziente e fa aumentare il flusso ematico nella cute perilesionale, prevenendo l'ischemia. Le variazioni di pressione sono impercettibili per il paziente, il cambio di medicazione è reso meno stressante e doloroso senza le improvvise cadute di pressione della terapia ad intermittenza che permette la crescita del tessuto all'interno della medicazione in spugna.

Sistema Tri Pulse per l'attivazione della pompa venosa ed il linfodrenaggio
Il trattamento a compressione pneumatica intermittente (CPI) attraverso il sistema innovativo Flowtron con Tri Pulse è un sistema di compressione attivo, confortevole per il paziente e clinicamente efficace, che attraverso la terapia migliora la circolazione venosa.

È particolarmente indicato in caso di edema (gonfiore dovuto all'accumulo dei liquidi nei tessuti) nei pazienti portatori di lesioni agli arti inferiori e superiori ed in caso di edema post-operatorio, ma non solo. È adatto come coadiuvante nella terapia dell’insufficienza venosa cronica e nel trattamento dell’edema/linfedema degli arti in generale in quanto con la sua azione favorisce il miglioramento del micro e macrocircolo  sanguigno con conseguente linfodrenaggio.

Possono accedervi tutti i pazienti con necessità di trattamento e non solo quelli con lesioni cutanee, in seguito ad una valutazione globale del paziente e del tipo di edema per escludere eventuali controindicazioni ed incompatibilità.  I pazienti già in possesso di un’indicazione medica di linfodrenaggio o di terapia compressiva intermittente possono usufruire direttamente del trattamento.

Assistenza al paziente con stomia
Il confezionamento di una stomia (colon-, ileo-, uro) temporanea o definitiva è imposta da uno stato clinico - patologico del paziente.
Comporta importanti cambiamenti nelle abitudini alimentari, igieniche e della vita quotidiana. Il paziente deve essere adeguatamente addestrato alla sua gestione per evitare le complicanze indesiderate.

Presso il nostro servizio si può usufruire di:

  • educazione alla gestione e all’applicazione dei presidi (placche, sacca), all’igiene;
  • applicazione dei presidi, cambio della sacca;
  • gestione dello stoma estroflesso;
  • costruzione della base di applicazione in casi difficili (lesioni, stoma irritato e estroflesso, etc.);
  • medicazione di lesioni peristomali.

Per saperne di più: