ACCEDI
Logo USI

TAC Tomografia Computerizzata

Che cos'è la TAC?

La TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) è una metodica di diagnostica per immagini che consente di esaminare varie parti del corpo in sezioni secondo piani assiali, cioè con tagli trasversali dalla testa ai piedi. È un esame radiologico in cui i dati raccolti dal passaggio di vari fasci di raggi X, nell'area interessata, sono rielaborati in modo da ricostruire un'immagine tridimensionale dei diversi tipi di tessuto. 

L’attenzione ai nuovi sviluppi tecnologici e i costanti investimenti permettono ad U.S.I. di utilizzare macchinari TAC che eseguono esami estremamente precisi in pochissimo tempo. In poco più di 10 secondi, come ad esempio per la TAC all’addome, si acquisiscono immagini di volumi cospicui con un dettaglio molto preciso. L’elevato numero di strati consente, infatti, di distinguere dettagli di pochi millimetri e di eliminare i disturbi dovuti, ad esempio, alle pulsazioni del cuore o alla respirazione ottenendo così dall’esame la massima precisione. Il computer, poi, ricostruisce in modo istantaneo le immagini tridimensionali.

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale dei macchinari più innovativi agevola ulteriormente l’efficienza e il confort dell’esame di TAC perché rende il posizionamento del paziente più preciso oltre ad accelerarne la preparazione.


A che cosa serve la TAC?

L'esame consente di studiare qualunque parte del corpo umano in ambito:


La precisione della TAC multistrato può sostituire esami più invasivi come, ad esempio, l’angiografia. Per eseguire l’esame può essere necessario l’uso di un mezzo di contrasto iodato per via endovenosa che consente di vedere meglio le fasi vascolari (arteriosa e venosa) di organi e tessuti. Viene principalmente usato per la TAC dell’addome, del torace, del cuore o dei vasi.


Monitoraggio del dosaggio di radiazioni Monitoraggio Dosimetrico

L’utilizzo di macchinari con le tecnologie più innovative e l’applicazione di software per il Monitoraggio Dosimetrico permettono di eseguire gli esami di TAC controllando costantemente il livello di radiazioni emesse e garantendo immagini di alta qualità.

Il continuo e costante monitoraggio del livello di radiazioni utilizzate riduce notevolmente i rischi per i pazienti. Il basso dosaggio di radiazioni ricevute, infatti, consente di utilizzare gli esami di TAC anche a scopo preventivo, importante caratteristica che potrebbe risultare determinante in molte situazioni specialmente nei soggetti a rischio cardio-vascolare o nei forti fumatori.

Quali esami si possono effettuare


I macchinari presenti nei centri U.S.I.

 

 

Per informazioni e prenotazioni:

CHIAMA IL CUP AL NUMERO 06/328681 PRENOTA ON-LINE

Preparazione all'esame

Nei casi in cui l'indagine non preveda l'uso del mezzo di contrasto non è necessaria alcuna preparazione. Al contrario, per gli esami che comportano l'impiego di contrasto per via endovenosa, il paziente deve essere a digiuno almeno da quattro ore.

In tutti i casi verrà chiesto di togliere vestiti o accessori con parti metalliche che possono alterare il processo di acquisizione delle immagini.

L'esame è controindicato in gravidanza, specie se l'area da indagare è l'addome.

L'indagine non deve essere eseguita nei giorni successivi ad altri esami radiologici che utilizzino il bario (per es. clisma opaco), perché le immagini ottenute potrebbero risultarne alterate.

 

Nel caso di TAC con mezzo di contrasto sono richieste le indagini: