ACCEDI
Logo USI

La terapia infiltrativa della gonartrosi

La terapia infiltrativa della gonartrosi

07/09/2022

Il trattamento conservativo della gonartrosi può avvalersi di molte armi: terapia fisica, rinforzo muscolare, perdita di peso, trattamenti fisioterapici, agopuntura, crioterapia, analgesici come la Tachipirina, anti-infiammatori, etc.
Quando questi falliscono, tuttavia, l’ortopedico può proporre la terapia infiltrativa, che si avvale di:
 
  • Corticosteroidi: sono gli antinfiammatori più potenti a disposizione e sono simili alle molecole prodotte dall’organismo. Iniettati nell’articolazione, esplicano lì la loro funzione, spegnendo l’infiammazione e quindi il dolore. L’effetto a breve termine è provato scientificamente. È tuttavia possibile che una quota del farmaco iniettato sia assorbita per via sistemica.Il paziente deve essere avvisato che fenomeni come aumento della pressione sanguigna e aumento della glicemia sono fenomeni temporanei e autolimitanti. Gli effetti collaterali principali sono: l’infezione intra-articolare (con una frequenza dello 0,005-0,01%, quindi estremamente rara a patto di utilizzare una tecnica rigorosamente asettica); l’infiammazione acuta post-iniezione di cortisone (con frequenza 2-5%, solitamente autolimitante in pochi giorni).
  • Acido ialuronico: è considerato un condroprotettore (cioè una sostanza che aiuta la cartilagine a non degenerare). È un costituente della cartilagine stessa e del liquido sinoviale, che si presenta sotto forma di sostanza trasparente e viscosa, con la funzione di richiamare acqua, nutrire e lubrificare l’articolazione. Sembra avere tra gli altri anche un modesto potere anti-infiammatorio. Esistono diverse formulazioni che, a seconda della lunghezza della catena della molecola, hanno funzioni leggermente diverse. L’iniezione intra-articolare di questo farmaco è solitamente ben tollerata e gli effetti collaterali sono tendenzialmente meno frequenti rispetto ai corticosteroidi.
  • Cellule staminali e PRP: le cellule staminali vengono isolate dal tessuto adiposo mentre il PRP (platelet-rich plasma) è derivato dal processo di centrifuga del sangue intero per ottenere un concentrato di piastrine. I test di laboratorio effettuati su questi prodotti sembravano molto promettenti poiché mostravano un ottimo potere anti-infiammatorio e in qualche misura rigenerativo della cartilagine. I test clinici non sono stati in grado finora di dimostrare benefici specifici e certi nel loro utilizzo nel paziente rispetto a corticosteroidi e acido ialuronico. Stando alle conoscenze scientifiche attuali la cartilagine non può essere rigenerata. Il loro utilizzo, pertanto, a parte casi specifici e selezionati, non è da considerarsi un trattamento routinario per l’artrosi di ginocchio. 
 
Tipicamente i pazienti che traggono maggior giovamento dalla terapia infiltrativa sono quelli con una gonartrosi di grado medio (2-3 secondo Kellgren-Lawrence). Questa valutazione viene eseguita su radiografie opportunamente eseguite. 

Il trattamento si compone di tre infiltrazioni (ma possono variare da 1 a 5 a seconda dei casi) da eseguire ogni settimana o ogni due settimane.  
È sempre raccomandato un periodo di riposo durante e subito dopo il trattamento perché mascherare il dolore (come può accadere quando si utilizzano corticosteroidi) può condurre a sovra-sfruttare l’articolazione, aggiungendo ulteriore danno a quello già presente. 
 
I farmaci sopra elencati possono essere utilizzati singolarmente o in associazione per amplificarne l’effetto. 
Il potere anti-infiammatorio dei corticosteroidi viene utilizzato in tutte quelle circostanze in cui è necessario risolvere rapidamente il problema del dolore. 
L’acido ialuronico viene, invece, utilizzato prevalentemente per il suo potere di proteggere l’articolazione. Non è da considerarsi un trattamento strettamente preventivo ma la ripetizione del ciclo (solitamente due volte l’anno), anche senza aspettare la ricomparsa del dolore, può rallentare la progressione dell’artrosi di ginocchio.
 
I trattamenti infiltrativi sono, invece, fortemente sconsigliati in caso di algodistrofia del ginocchio in fase acuta, una patologia caratterizzata da forte dolore locale e gonfiore dell’articolazione, diagnosticata grazie alla risonanza magnetica. Infiltrare acido ialuronico non ha effetto sulla patologia in questione, il cortisone può addirittura essere dannoso. Sarà, comunque, possibile eseguire i suddetti trattamenti dopo un adeguato periodo di trattamento farmacologico e fisioterapico.


Dott. Gianluca Fornara
Ortopedia e Traumatologia
Specialista in Protesi di Anca e Ginocchio
U.S.I. Piazza Vittorio - Via Machiavelli, 22
U.S.I. Serpentara - Via G. Pacchiarotti, 95
U.S.I. Borghesiana - Via Casilina, 1838


PRENOTA LA VISITA

News

Casa di Cura Marco Polo: nuove apparecchiature per la Medicina Nucleare Casa di Cura Marco Polo: nuove apparecchiature per la Medicina Nucleare
La ricerca continua di U.S.I. offre ai propri utenti le più aggiornate tecnologie disponibili sul mercato.
La terapia infiltrativa della gonartrosi La terapia infiltrativa della gonartrosi
Scopri come eliminare il dolore causato dall’artrosi del ginocchio.
Cistite, ecco come prevenirla e curarla Cistite, ecco come prevenirla e curarla
6 semplici regole per non soffrire di cistite, soprattutto d'estate.
Inaugurato il nuovo reparto di Diagnostica per Immagini del centro U.S.I. Lido di Ostia (Villa del Lido). Inaugurato il nuovo reparto di Diagnostica per Immagini del centro U.S.I. Lido di Ostia (Villa del Lido).
Macchinari TAC e Risonanza Magnetica ad alto campo di ultima generazione per esami sempre più precisi e veloci.