ACCEDI
Logo USI

La blefaroplastica: intervento delle palpebre cadenti e delle borse

La blefaroplastica: intervento delle palpebre cadenti e delle borse
La blefaroplastica è l’intervento che permette di eliminare la pelle in eccesso delle palpebre insieme alle ernie di grasso che costituiscono le borse palpebrali.
La blefaroplastica può essere eseguita da sola o in associazione ad altri interventi di ringiovanimento del viso. In casi particolari questo intervento può avere una valenza funzionale e non solo estetica.
 
Quali sono le indicazioni all’intervento di blefaroplastica?
 
La blefaroplastica è consigliata in caso di:
 
  • borse agli occhi, dovute ad accumulo adiposo periorbitale;
  • occhi cadenti, forma cadente delle palpebre che conferisce uno sguardo triste e stanco;
  • eccesso cutaneo sopra gli occhi che copre la piega palpebrale;
  • occhiaie e depressione cutanea periorbitale;
  • zampe di gallina e rilassamento cutaneo;
  • rigonfiamenti palpebrali, che spesso sono causa di piccoli e fastidiosi disturbi, come arrossamenti, lacrimazione o restringimento del campo visivo.
 
Come si esegue l’intervento di blefaroplastica?

Blefaroplastica come si esegue
 
La blefaroplastica può essere praticata sulla palpebra superiore, inferiore o su entrambe (blefaroplastica completa). Le incisioni e le conseguenti cicatrici sono posizionate sulla palpebra superiore (a livello della piega palpebrale) e a volte possono sporgere di alcuni millimetri dall’arcata orbitaria. 
A livello della palpebra inferiore, invece, le cicatrici si trovano a pochi millimetri dal margine ciliare inferiore.
In particolare il chirurgo separa il tessuto cutaneo da quello adiposo e muscolare, eliminando le porzioni in eccesso, come nel caso di borse sotto agli occhi. Le suture vengono praticate in modo da far risultare minime le cicatrici, che comunque combaceranno con le pieghe naturali delle palpebre superiori e, per la blefaroplastica inferiore, si troveranno appena al di sotto della rima palpebrale.
 
La blefaroplastica viene praticata in anestesia locale, non c’è necessità di ricovero. Può essere associata alla sedazione se il paziente lo desidera.
L’intervento dura da 20 minuti a 2 ore a seconda della complessità e a seconda che si tratti di blefaroplastica superiore, inferiore o completa (blefaroplastica supero-inferiore).

Prima e dopo:
 
Blefaroplastica prima e dopo 


Quali sono le regole comportamentali per una corretta guarigione?
 
  • corretta igiene degli occhi;
  • uso di compresse fredde o di ghiaccio;
  • uso di un collirio;
  • tenere la testa sollevata e dormire con due cuscini per almeno una settimana;
  • non sforzare la vista (televisione, lettura, ecc.);
  • non bere alcolici;
  • non utilizzare lenti a contatto fino a guarigione completa;
  • uscire preferibilmente con occhiali scuri;
  • non esporsi al sole. 
 
Dott.ssa Sara Egidi
Medico-Chirurgo Specialista in Chirurgia Maxillo Facciale
Medico Estetico 
Dottorato di Ricerca in malattie dello scheletro e del distretto maxillo facciale
 
U.S.I. Piazza Vittorio - Via Machiavelli, 22
USI DOC Tuscolana - Via Tuscolana, 212/f

PRENOTA LA VISITA GRATUITA

News

La blefaroplastica: intervento delle palpebre cadenti e delle borse La blefaroplastica: intervento delle palpebre cadenti e delle borse
Scopri come eliminarle definitivamente e avere di nuovo uno sguardo giovane.
Al via il nuovo servizio WhatsApp Al via il nuovo servizio WhatsApp
Comunicare con noi non è mai stato così facile!
La radioterapia stereotassica La radioterapia stereotassica
Precisione millimetrica direttamente sul volume tumorale di piccole dimensioni.
L’artrosi del ginocchio L’artrosi del ginocchio
L’artrosi è la principale causa di disabilità muscolo-scheletrica ed una delle principali cause di dolore al ginocchio.