ACCEDI
Logo USI

La radiologia a domicilio

La radiologia a domicilio

12/01/2022

La Radiologia a domicilio è una branca della diagnostica per immagini nata dall’esigenza di effettuare esami radiologici su pazienti con difficoltà motorie, per lo più allettati, spesso affetti da problematiche respiratorie, articolari e/o ortopediche che richiedano con urgenza una valutazione con RX.

Solo fino a pochi anni fa eseguire un esame radiologico a domicilio poteva essere considerata una vera "impresa", dovendo il tecnico di radiologia utilizzare apparecchiature in grado di trasferire su lastre fotografiche le immagini ottenute attraverso un tubo radiologico con una definizione spesso molto scadente ed a volte non in grado di dirimere i dubbi diagnostici.
L’avvento della digitalizzazione delle immagini ha, invece, consentito in pochissimo tempo uno sviluppo significativo della suddetta metodica consentendo di ottenere, con apparati di dimensioni contenute, esami molto dettagliati e di ottima qualità.

L’attrezzatura radiologica, infatti, è oggi costituita da una cassetta radiologica collegata via wireless ad un computer sul quale vengono convogliate le immagini ottenute sul paziente.
Questo metodo consente, tra l’altro, la rielaborazione dell’esame attraverso un software dedicato apportando correzioni e migliorando anche la definizione delle immagini prima di trasferirle su un Cd provvisto di un programma che ne consenta facilmente la visualizzazione.

La possibilità di riesaminare le immagini sul computer prima di lasciare l’abitazione del paziente evita certamente, come accadeva non di rado nel passato, di essere costretti a tornare al domicilio per ripetere dei radiogrammi una volta riscontrato un errore di procedura; condizione rilevabile fino a qualche tempo fa solo dopo aver scaricato i radiogrammi presso lo studio radiologico.
Oggi, infatti, è possibile l’invio immediato dei files digitali ad una station dedicata, consentendo così al medico radiologo di analizzare e refertare l’esame completo in tempi brevissimi.

Negli ultimi due anni, in particolare, la richiesta di prestazioni radiologiche a domicilio ha subìto un incremento esponenziale soprattutto per i pazienti a rischio di contagio COVID-19 o già sintomatici per una infezione da virus SARS-2 dove è fondamentale ottenere, nel più breve tempo possibile, una diagnosi differenziale tra polmonite interstiziale e/o altre patologie respiratorie associate a tale infezione.

Per soddisfare tali esigenze si è reso necessario attuare delle peculiari procedure di protezione del personale in modo tale da consentire il contatto in sicurezza con pazienti sicuramente positivi o a rischio di infezione da COVID-19.

Allo stato attuale è senz’altro possibile effettuare a domicilio oltre il 90% degli esami radiologici che normalmente vengono effettuati presso una struttura radiologica fissa se si è adeguatamente organizzati con personale qualificato e addestrato a tale servizio.

Il Gruppo U.S.I. è oggi in grado di effettuare esami radiologici a domicilio poche ore dopo la richiesta di intervento, consentendo di avere un referto a breve termine dopo l’accesso del Tecnico presso l’abitazione del paziente.


Informazioni e appuntamenti
Per fissare un appuntamento contattare il numero 06/32868.1 
 
 
Stefano Bisegna
Tecnico di Radiologia
Responsabile del Servizio di Radiologia a domicilio
U.S.I. Prati - Via Virginio Orsini, 18

News

Cosa mangiare con il caldo? Cosa mangiare con il caldo?
I consigli del medico nutrizionista per contrastare le elevate temperature di questi giorni.
Le bronchiectasie Le bronchiectasie
Cosa sono e come si curano, anche nelle forme più severe ed estese.
PrenatalAdvance: nuovi livelli di approfondimento del test prenatale su DNA fetale PrenatalAdvance: nuovi livelli di approfondimento del test prenatale su DNA fetale
ll test PrenatalAdvance identifica le principali aneuploidie fetali e gravi malattie genetiche nel feto.
Ecografia del 3° trimestre e dopplerflussimetria Ecografia del 3° trimestre e dopplerflussimetria
Per la valutazione della crescita e dell'anatomia fetale e della quantità del liquido amniotico