ACCEDI
U.S.I.

Informazioni e Prenotazioni

06/32868.1

Assistenza Servizi On-line 06/32868.234

Dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 17:00


AVVISO: Lunedì 30 novembre 2020 dalle 15:00 alle 16:00 verranno effettuati degli aggiornamenti sul sito, ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Benefici della terapia infiltrativa TC-ECO guidata nella gestione del paziente artropatico.

La terapia infiltrativa profonda TC-ECO guidata, particolarmente dei distretti coxofemorale e rachideo, combinata con il protocollo riabilitativo Fisiatrico, impatta sulla cospicua popolazione interessata da dolore artropatico in termini di:
  • riduzione dei potenziali controeffetti (gastropatie, ipertensione, intolleranza glucidica/diabete, ecc.) e della gestione clinica degli stessi, legati all’utilizzo prolungato di FANS e corticosteroidi con effetto anti-infiammatorio/analgesico;
  • riduzione del rischio potenziale di frattura patologica nei Pazienti con osteopenia/osteoporosi DXA rilevata e concomitante dolore artropatico lombosacrale/coxofemorale, pertanto costretti a ipomobilità/immobilità antalgica, per possibile ingravescenza del catabolismo calcico ad essa legato legata e a eventuali terapie cortisoniche anti-infiammatorie/analgesiche;
  • riduzione dei tempi di degenza per auspicabile aumento della compliance alla riabilitazione fisiatrica grazie alla riduzione del sintomo algico rachideo o coxofemorale di ostacolo alla più precoce deambulazione/mobilizzazione, e pertanto ottimizzazione dei DRG nei ricoveri per riabilitazione neuromotoria;
  • riduzione dei tempi di recupero dopo chirurgica vertebrale sia per auspicabile decremento della sintomatologia connessa delle sequele cicatriziali locoregionali che per l'accelerazione del ripristino del trofismo muscolare da più precoce e intensa movimentabilità attiva di distretto;
  • riduzione del ricorso a indagini radiologiche incongrue e/o troppo frequenti, con decremento del rischio radiologico (e della spesa sanitaria), in ottemperanza con le vigenti norme e future in materia di rischio biologico.
 
Popolazione destinataria dell’ampliamento prestazionale radiologico-fisiatrico.
 
Pazienti gravati da dolore rachideo che ne ritardi o impedisca un più rapido miglioramento, allo scopo di agevolare la gestione Fisiatrica e la riabilitazione Fisioterapica, migliorando la compliance dei Pazienti sia in termini di impatto psicologico alla patologia/terapia (per auspicabile deprivazione della componente algica), sia in termini di riduzione dei tempi di degenza e pertanto della morbilità ad essa connessa e in ultimo dei costi di gestione. 
 
Pazienti ambulatoriali ai quali proporre il “pacchetto riabilitativo” comprensivo della gestione fisiatrica-fisioterapica e delle procedure infiltrative erogabili in regime privato puro o con il rimborso assicurativo previsto secondo i più diffusi nomenclatori.
 

Patologie trattabili con infiltrazione percutanea TC/ECO-Guidata Farmaci e/o Ozono.
 
  • DOLORE LOMBARE CRONICO DA ERNIAZIONE DISCALE/DISCOPATIA
  • ARTROPATIA INTERFACCETTALE CON DOLORE CRONICO
  • ARTROPATIA COXO-FEMORALE ACUTA-CRONICA 
  • ARTROPATIA E SINOVITI IN ARTROPATIE CRONICHE

terapia-infiltrativa-tc-eco-guidata
 
Terapie possibili.
  • procedure TC guidate intra-discali (nucleolisi con ossigeno-ozono)
  • termoablazioni perifaccettali  e discali con radiofrequenza.
  • Infiltrazioni TC guidate intra-perifaccettali di anestetico, cortisonico, acido ialuronico, ossigeno-ozono;
  • Infiltrazioni eco guidate intra-perifaccettali di anestetico, cortisonico, acido ialuronico, ossigeno-ozono;
  • Infiltrazioni eco-guidate intra-articolari coxofemorali di anestetico, cortisonico, acido ialuronico, ossigeno-ozono. 
  • Infiltrazioni eco-guidate intrabursali, peritendinee, intra-articolari di farmaci (cortisonici/anestetici/acido ialuronico)

Slot temporale per procedura (singolo tratto): 30 minuti 

ARTRO TC/RM
  • Siringa da 5 cc
  • m.d.c.
  • Posizionamento ago e iniezione mdc sotto guida ecografica
  • Esecuzione TC/RM
  • Refertazione
  • 2 operatori 
  
PROCEDURA INFILTRATIVA TC GUIDATA
  • Telino sterile
  • Guanti sterili
  • Garze 10 x 10 cm sterili
  • Aghi spinali da 20 e 22 G (9 e 15 cm)
  • Depomedrol
  • Lidocaina/carbocaina
  • Macchina ossigeno ozono
  • 2 operatori
 
PROCEDURA INFILTRATIVA ECO GUIDATA
  • Telino sterile
  • Guanti sterili
  • Garze 10 x 10 cm sterili
  • Aghi 22 G 3,5 cm
  • Aghi spinali da 20 e 22 G (9 cm)
  • Depomedrol
  • Lidocaina/carbocaina
  • Macchina ossigeno ozono
  • 2 operatori
 
Rischi procedurali.
 
Le procedure vengono condotte in asepsi locoregionale.
I rischi connessi alla terapia infiltrativa, se praticata da mani sapienti, sono quelli di una iniezione profonda.
La puntura involontaria di strutture nervose o vascolari con aghi da 20/25 Gauge è da considerarsi “atraumatica” dato che questi calibri sono inferiori a quelli della comune agocannula “verde” (18Gauge), abitualmente utilizzata in Radiologia per la somministrazione e.v. del m.d.c. e chiaramente inferiori alle cannule di maggior calibro grigie e arancioni (16-14Gauge) che i nostri colleghi Anestesisti utilizzano, se necessario, per la rapida somministrazione di fluidi.

La guida TC e ecografica eviterà di iniettare inavvertitamente i presidi farmacologici nelle strutture vascolari.
Da norme assicurative SIRM la procedura terapeutica, se praticata unicamente con aghi, può non considerarsi interventistica.
Ogni procedura, secondo gli obblighi di legge, verrà ovviamente praticata previa acquisizione di consenso informato e in asepsi locoregionale.


Dott. Ursone Antonio - Spec. in Radiodiagnostica e Radiologia interventistica
Dott. Pipitone Vincenzo - Spec. in Radiodiagnostica e Radiologia interventistica  
Casa di Cura Marco Polo - Viale Marco Polo, 41